Al cinema con Geronimo 9

24 Dic, 2013
0

9. Ancora a proposito di film di “serie B”, è doveroso rilevare come in questi anni ’50 furono realizzate parecchie opere interessanti dal punto di vista del soggetto trattato.

Tecumseh

Tecumseh

Nel 1951 uscì, con la regia di Spencer Gordon Bennett, “Brave Warrior” (“Sul sentiero di guerra” con John Hall, Christine Larson, Jay Silverheels. Durata 73 min.), ispirato alla storia di Tecumseh.
Nato nel 1768 nel villaggio Shawnee di Old Piqua, Tecumseh (il suo nome originale era Tecumtha: Io-Incrocio-La-Strada-Di-Qualcuno) fu, senza dubbio alcuno, il più grande uomo politico indiano mai vissuto. Egli impiegò tutta la sua energia nel tentativo di costituire un vasto stato indiano tra l’Ohio e il

Tenessee, creando una Confederazione di tutte le tribù ad est del Mississippi.
Riuscì a fondare l’Alleanza dei Diciassette Fuochi, ma si scontrò con l’ostile intransigenza degli Irochesi.
Il suo movimento nazionalista rinnegava le pratiche derivanti dal contatto con i bianchi, come l’uso dell’alcool ed anche degli abiti fatti con tessuti europei: l’idea base era che la terra, al pari dell’aria e dell’acqua, è un bene comune di tutti e quindi non può essere venduta o ceduta. Aveva fondato a Tippecanoe, sul fiume Wabash, la Città del Profeta, dove tribù diverse vivevano insieme secondo la tradizione e dove era vietato l’uso di bevande alcoliche.
Celebre è il discorso che pronunciò ai Choctaw e ai Chicksaw per convincerli ad unirsi a lui: – Dove sono oggi i Pequot, i Narraganset, i Mohawk, i Pakanoket

Il profeta

Il profeta

e tutte le tribù un tempo potenti? Sono svanite di fronte alla cupidigia e all’oppressione dei bianchi come neve al sole. Guardate il loro territorio, un tempo così bello: solo le devastazioni compiute dai Visi Pallidi colpiscono i nostri occhi (…). Anche i popoli rossi saranno presto travolti come le foglie d’autunno al soffio dell’uragano (…). Le ossa dei nostri morti saranno disperse dal vomere degli aratri? Attenderemo con calma che il nemico sia tanto numeroso da non potergli più resistere? Cederemo senza combattere ciò che abbiamo di più caro e di sacro? (…). Formiamo un solo corpo, un solo cuore, e difendiamo, fino all’ultimo guerriero, il nostro Paese, i focolari, la libertà e le tombe dei nostri antenati -.
In sua assenza però il fratello Tenkswatawa (Porta Aperta), il Profeta, nonostante gli ordini di Tecumseh, accettò lo scontro con i soldati americani e fu sconfitto (7 novembre 1811); la Città del Profeta fu distrutta. A quel punto Tecumseh partecipò come alleato degli inglesi alla guerra anglo-americana del 1812, riportando numerose vittorie. Nel maggio del 1813 a Fort Meigs gli inglesi e gli indiani vittoriosi costringono i prigionieri a correre tra due file di uomini che li colpiscono con le scuri. Già 20 prigionieri sono morti così, quando arriva Tecumseh gridando: – non c’è più un uomo qui? – e sospende il massacro. Più tardi, infuriato, dirà al comandante inglese: – Siete incapace di comandare. Io combatto per salvare e voi per assassinare -.tomahawk 1
Nell’ottobre dello stesso anno 1813, nella battaglia sul fiume Thames, Tecumseh perse la vita, a 45 anni. La Confederazione da lui creata non gli sopravvisse. Alla fine

Jim Bridger

Jim Bridger

della guerra e con la sconfitta dell’Inghilterra, gli indiani firmarono trattati di pace separati con gli americani.
Altro soggetto interessante è quello usato da George Sherman, che sempre nel 1951 diresse “Tomahawk” (“Tomahawk, scure di guerra” con Van Heflin, Yvonne De Carlo, Alex Nicol. Durata 82 min.).
Qui la storia narrata, romanzandola, è quella di Jim Bridger. Per sapere le cose fondamentali sul suo conto è sufficiente leggere le parole scolpite sulla sua tomba: – James Bridger, 1804-1881, famoso Maountain Man, cacciatore, commerciante di pelli e guida. Nel 1824 scoprì il Lago Salato; nel 1827 il South Pass. Nel 1830 visitò il Lago Yellowstone e i geisers. Nel 1843 fondò Fort Bridger. Aprì la Pista Continentale attraverso il Passo di Bridger fino al Lago Salato. Guidò diverse spedizioni esplorative del Governo degli Stati Uniti, le truppe del generale Albert Johnston nel 1857 e del generale G.M.Dodge nelle spedizioni per la costruzione della ferrovia Union Pacific e nelle campagne indiane del 1865-1866 -.

 

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *