Intervista ad Andre Vltchek dopo la crisi del Mar d’Azov

30 Nov, 2018
Categoria:

Internazionale

0

Intervista al filosofo Vltchek dopo la crisi del Mar d’Azov. “L’Italia pagherà presto il prezzo della sua adesione al bullismo della NATO”

“E’ ovvio che l’Occidente, in particolare l’UE e la NATO, sono dietro questa nuova ondata di pericolosa pazzia. E chiaramente un paese come l’Italia ha tanto da temere nella sua adesione a queste due organizzazioni.”

di Alessandro Bianchi

 

75ef955d5a1ef20cad7e38326696bd52

 

Intervista ad Andre Vltchek*

Partiamo dalla crisi in corso nel Mar d’Azov. Unione Europea e Nato hanno subito dato pieno sostegno all’Ucraina dopo la violazione della sovranità russa da parte delle due imbarcazioni ucraine. Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha offerto il suo pieno appoggio a Poroshenko che ha approfittato della situazione per decretare, in un paese già devastato dalla cura del FMI, la legge marziale. Legge marziale che, come è noto, pone a rischio le prossime elezioni previste nel paese. Fino a dove si può spingere l’escalation in corso?

AV: la vicenda è nota. La Russia ha intercettato tre navi ucraine nello stretto di Kerch. Le imbarcazioni avevano, anche secondo le autorità ucraine, diversi ufficiali di intelligence a bordo e trasportavano diverse armi leggere e mitragliatrici. È stata una chiara provocazione, poiché le navi si sono rifiutate di informare le autorità russe sulle loro intenzioni e hanno agito in modo aggressivo. Quindi: stavano attraversando le acque territoriali russe e i funzionari dell’intelligence ucraina erano al comando dell’operazione. Che cos’è davvero così “allarmante” per l’Occidente? Le navi sono state fermate, alcuni membri dell’equipaggio sono stati arrestati e sono in corso indagini serie sulle vicende. L’incidente è avvenuto pochi giorni prima dell’incontro del G20 in Argentina, dove presumibilmente si sarebbero incontrati i Presidenti Trump e Putin e, hai fatto bene a sottolinearlo, mancano solo 4 mesi prima delle elezioni presidenziali ucraine (marzo 2019). E’ noto come Poroshenko ha oggi solo l’8% di supporto: del resto, l’Ucraina sotto la sua guida è crollata così tanto che molti appartamenti nella capitale di Kiev non saranno riscaldati durante questo inverno. E’ logico che sia stato Poroshenko a provocare la crisi, quindi ha potuto posare come un uomo forte, sperando di ottenere almeno un po ‘di popolarità. Ha imposto la legge marziale, per 30 giorni, sebbene originariamente, volesse che durasse per 2 mesi. Cosa significa? La stampa sarà censurata e la critica al governo limitata. E’ un esito favorevole per il presidente grottescamente impopolare? Certo che si. Inoltre, è ovvio che l’Occidente, in particolare l’UE e la NATO, sono dietro questa nuova ondata di pericolosa pazzia. E chiaramente un paese come l’Italia ha tanto da temere nella sua adesione a queste due organizzazioni.

Può spiegarci meglio cosa rischia un paese come l’Italia nel proseguire nella sua adesione alla NATO?

L’Italia fa parte sia dell’UE che della NATO. Come sto scrivendo nel mio nuovo saggio, non ha senso credere che “gli europei hanno subito il lavaggio del cervello; che non sanno cosa sta facendo l’Occidente in tutto il mondo”. Loro sanno, o almeno lo sospettano, ma fingono di non sapere. In Europa esiste un connubio losco tra il governo, le multinazionali e il popolo: le persone vogliono più benefici e non gli importa che quei benefici derivino dal saccheggio del mondo. Ottengono i loro benefici e stanno zitti. Se pensano che questi benefici diminuiscono, protestano, come sta accadendo a Parigi. Ma gli importa qualcosa delle decine di milioni di “non-persone” che muoiono per quei benefici? Ovviamente no!
Lo stesso quando si parla di Russia, Cina o Iran. Gli europei sanno che esiste una sorta di viziosa propaganda contro quei paesi che rifiutano di cedere ai diktat occidentali? Lo sanno ma non faranno nulla per fermarlo. È dolce, sapete, sentirsi superiori, “democratici” e “liberi”.
Ricordate sempre, paesi come la Russia e la Cina hanno le loro “democrazie” (governo del popolo). Non è il sistema occidentale, ma i governanti e le masse comunicano e interagiscono in modo diretto, in modo molto marcato. E sia in Russia che in Cina, la gente “ne ha avuto abbastanza” di essere vittima del bullismo e della brutalizzazione da parte dell’Occidente, per decenni e secoli. Ancora un po ‘e le cose esploderanno. Se spinti oltre, la Russia e la Cina risponderanno. Se provocati militarmente, si difenderanno. Lo stesso vale per l’Iran. Far parte del gruppo che sta terrorizzando il mondo è molto pericoloso. E paesi che fanno parte di questo gruppo come l’Italia ne pagheranno il prezzo.

Sempre sulla vicenda del mar d’Azov. Il ministro russo Serghei Lavrov ha chiesto agli alleati occidentali di Kiev di “intervenire” e “dare una calmata” alla autorità ucraine, avvertendo del potenziale attraversamento di un “punto di non ritorno” tra Russia e Occidente. E’ reale il rischio di una guerra anche alla luce del grande assembramento di truppe della Nato al confine?

AV: Sì, certo che è reale. Basta girare i tavoli: se l’Iran o la Cina o la Russia o il Venezuela o la Siria o Cuba facessero all’Occidente ciò che l’Occidente sta facendo a loro, ci sarebbe un rischio reale di guerra? Questa impunità e questo razzismo così diffusa in Occidente deve fermarsi. E presto si fermerà. Come si dice in Cile avverrà “attraverso la ragione o con la forza”.

Andrè sei stato recentemente in Siria, paese che dopo l’intervento russo e grazie alla resistenza del popolo siriano supportato dagli alleati regionali – Iran e Hezbollah soprattutto – sta lentamente cercando di tornare alla normalità. Che paese hai trovato?

AV: Amo questo paese meraviglioso, ricco di speranza e orgoglioso. Scriverò anche un lungo reportage sulla mia visita. Ho incontrato molte vittime, gente comune, ma anche un generale e un ministro dell’educazione, che è anche un abile romanziere. Il suo motto è: “Il Ministero dell’Istruzione è come il Ministero della Difesa”. Corretto: l’educazione senza ideologia e passione è solo una perdita di tempo. La Siria ha vinto. E lì, l’intero mondo arabo ha vinto insieme ad esso. Gli arabi sono stati per decenni completamente umiliati – dall’Occidente, da Israele, dai loro stessi leader che furono posti sul trono da Londra, Parigi e Washington. Come ho scritto molte volte, Aleppo è stata la Stalingrado del Medio Oriente. Le perdite sono state terribili, in tutta la Siria. Ma anche la vittoria è straordinaria. Il panarabismo fiorirà di nuovo. Le persone in tutti i paesi della regione stanno guardando e ora sanno: è possibile sconfiggere l’imperialismo occidentale e le sue fantasie, i suoi impianti terroristici.
La Russia si è schierata dalla parte della sua sorella araba con determinazione, ma anche molto saggiamente. Usava la diplomazia ogni volta che poteva, e usava la forza solo quando non c’era altro modo. In Siria, i russi hanno conquistato il cuore della gente. ‘Grazie, Russia!’, È ovunque, anche inciso sulle tradizionali scatole di legno. La lingua russa è la mia lingua madre e mi ha aperto in Siria così tante porte, come mi aveva aperto migliaia di porte in Afghanistan (non me lo sarei mai aspettato lì).
La Siria deve finalizzare la sua vittoria, presto. E tornerò per coprire gli eventi lì.  Quanto ottimismo si riceve da un paese che non si prostituisce; un paese fiero che ha combattuto duramente, per il proprio popolo e per l’intera regione. C’è grande fiducia e gentilezza nei volti delle persone. La festa non è rumorosa, perché sono morte così tante persone che non si può maa la gente è fuori, fino alla mattina, uomini e donne, ragazzi e ragazze. I caffè sono pieni, le strade di Damasco sono animate. Ma anche a Homs e nei sobborghi distrutti di Damasco, la vita sta tornando alla normalità. Che nazione! Sì, loro dicono “Grazie Russia!”. Io da internazionalista, dico: “Grazie, Siria!”

L’attacco chimico dei “ribelli” ad Aleppo di questa settimana smaschera ancora una volta le menzogne del mainstream di questi anni. Che ruolo hanno avuto i media nel permettere alle bande di terroristi supportate e finanziate da occidente e alleati del Golfo di distruggere la Siria?

AV: Un ruolo enorme. In Siria, i mass media occidentali alla fine hanno cessato di esistere e si sono trasformati in una forza di prostituzione dell’Impero, nient’altro. Ma sappiamo tutti che i media e l’istruzione sono sostanzialmente usati per indottrinare le persone, almeno in Occidente e nei suoi stati clienti. C’era così tanta provocazione. Il Golfo e le compagnie di trasmissione occidentali hanno letteralmente acceso il conflitto, diffondendo menzogne, spingendo le persone alla ribellione contro il governo. Hanno il sangue sulle loro mani, come il servizio Pashtun della BBC è ricoperto di sangue, come il VOA, la Radio Free Europe e qualunque media ‘free” occidentale ha il sangue fino alle ascelle.

Prima della Siria hai realizzato due importanti reportage in Argentina e in Messico per raccontare le mutazioni in corso in America Latina. Bolsonaro ha vinto in Brasile, mentre nei prossimi giorni Lopez Obrador si appresta a insediarsi in un Messico che ha virato a sinistra. A che punto è la disputa in America Latina e quali prospettive per la sinistra nel continente?

AV: Ho lavorato 3 settimane in tutto il Messico, prima di andare in Siria. Il mio grande lavoro in Argentina e in Brasile, è stato fatto prima.
Ascolta, Ale, io e te lo sappiamo; conosciamo molto bene l’America Latina. Ho vissuto in Messico, Cile, Perù (durante la cosiddetta Guerra Sporca) e in Costa Rica. Ho lavorato in tutto il continente.
Quanto accaduto in Messico è grandioso, anche se qualcuno potrebbe dire “in ritardo”. Ora speriamo che il presidente eletto Obrador possa portare il suo magnifico paese verso il socialismo. Non sarà facile. C’è un’inerzia terribile. Ci sono “élite” orribili di origine europea. E ci sono gli Stati Uniti, proprio accanto, sempre pronti ad “intervenire”. Ma penso che possa farlo. Mi fido di lui. Ho viaggiato in tutto questo enorme paese, ho parlato con le persone. È stato tutto sintetizzato da un gangster a Tijuana, un uomo che è diventato un criminale per disperazione. Lui ha detto, e io ho parafrasato: “Penso che sia quasi impossibile per Obrador cambiare le cose, ma se farà ciò che promette, lascerò tutto e lo sosterrò. Questa è l’ultima possibilità per il Messico di cambiare le cose in modo pacifico. Se fallisce, prenderemo le armi”.
Il Brasile è così difficile da spiegare. Ma essenzialmente, lì, in America Latina, più che altrove, i mass media che sono nelle mani della destra, hanno svolto un ruolo significativo e completamente distruttivo. Quando andavo in visita in Amazzonia, nei dintorni di Manaus, Belem o Salvador Bahia, le persone mi dicevano: “La nostra vita è migliorata in modo significativo. Ora abbiamo questo, questo e quello. Ma Dilma deve andare!” Mio Dio, pensavo, sto sognando? No, non stavo sognando. Fondamentalmente, in qualche modo, le élite hanno martellato nel cervello della gente che se stanno meglio adesso, allora è perché il loro è un successo personale. Ma se alcune cose non stanno andando troppo bene, è colpa del governo.
La “corruzione” è sempre usata nella lotta contro i governi di sinistra in America Latina. I microscopi sono usati, per trovare qualsiasi irregolarità. E’ stato fatto contro Cristina Kirschner, contro Lula, anche contro la povera Dilma che non era affatto corrotta, ma ha subito un colpo di Stato ‘costituzionale’ della destra e sostenuto dall’occidente. Ma immagina solo quella stupidità, quell’assurdità: le dittature di destra nel Cono Sud, ma anche in Brasile, usavano i cani per violentare le donne, torturavano i prigionieri, uccidendo, facendo sparire le persone, rubando tutto ciò su cui potevano mettere le mani. E quella non è “corruzione”, giusto? Poi qualche azienda offre di rinnovare l’appartamento di Lula, e si trova in prigione! Improvvisamente quei fascisti stanno giocando la carta morale. Sai cosa farà adesso Bolsonaro? Rovinerà tutta l’Amazzonia; quasi in “stile indonesiano”. Consentirà l’orribile accordo con le corporations occidentali, la privatizzazione di una falda acquifera condivisa con il Paraguay. Il terzo più grande produttore di aeroplani passeggeri sulla terra – Embraer – sarà venduto a Boeing, per pochi spiccioli. Il Brasile perderà la sua foresta pluviale, la sua industria e i suoi poveri perderanno la loro ancora di salvezza – il sostegno del governo. E questo non è chiamato corruzione! L’Argentina sotto Macri sta permettendo agli Stati Uniti di operare nella Terra del Fuoco. L’intero paese urla dal dolore: i prezzi dell’elettricità salgono, la famosa industria cinematografica sta perdendo supporto, la classe media sta di nuovo scendendo dal treno.
Ma io sono ottimista. I popoli latinoamericani hanno un grande desiderio di socialismo, in alcuni luoghi, di società comuniste. Ogni volta che vengono lasciati soli, combattono per questo o votano per questo. Poi vengono schiacciati. L’Occidente rovesciò tutti i veri governi di sinistra del continente, dalla Repubblica Dominicana, al Cile. Ma il processo non si ferma mai. Ricomincia tutto da capo.
Spero solo che una cosa cambi: sai, l’Occidente ha avuto molto successo nell’impiantare l’idea nella testa dei latinoamericani, che dopo tutto quello che è successo, l’Europa e persino gli Stati Uniti sono in qualche modo nazioni superiori. E così, le persone guardano dall’alto in basso le grandi nazioni come la Cina e la Russia, in posti come il Brasile. Mi inorridisce. Parlo la lingua e vedo chiaramente cosa sta succedendo. In Argentina, non c’è molta sinistra: gli intellettuali sono collegati a certe teorie defunte in Europa e in Nord America, come “anarco-sindacalismo”.
E non c’è nulla di veramente rivoluzionario in quelle idee. Ci sono troppi occidentali che influenzano i movimenti rivoluzionari dell’America latina. Hanno perso a casa, sono diventati irrilevanti, ma continuano a insistere nel giudicare il mondo dalla prospettiva occidentale. Tuttavia, in qualche modo, molti di loro sono ammirati in America Latina. E sempre gli si ritorce contro: gli occidentali diluiscono lo spirito rivoluzionario. Rapiscono anche la narrativa Sud-Sud. Mi piacerebbe vedere compagni russi, cinesi, venezuelani, cubani, siriani, iraniani o sudafricani che gestiscono i media statali nei paesi in cui la vera sinistra sta vincendo. Farebbe una grande differenza!

L’Argentina continua a sprofondare sotto il peso dell’austerità neoliberista di Mauricio Macri, ma i media mainstream tacciono. Nel frattempo, la Bolivia di Evo Morales continua, al contrario, a registrare i più alti tassi di crescita nella regione in un clima di stabilità. Quindi, il socialismo funziona al contrario di quanto cercano di farci credere?

AV: Sì, certo, il socialismo funziona. Se lasciato in pace, se non viene inondato dal sangue, prospera. Sfortunatamente, finora, ogni volta che un paese decide di andare verso il socialismo, l’Occidente scatena la sua campagna di terrore, bugie e banditismo economico. Il socialismo non è un’utopia estrema, ma l’obiettivo più logico. La maggioranza delle persone vuole vivere in una società egualitaria, dove si sente sicura e al sicuro, e dove, quando sono malati, vengono curati, quando hanno sete di conoscenza, vengono educati gratuitamente. Vogliono che lo Stato lavori per loro, non contro di loro. Vogliono che il loro governo controlli le società, invece che le compagnie private controllino i loro governi.

Nel frattempo, in Venezuela, la guerra economica, psicologica e mediatica continua. Il governo bolivariano riuscirà a resistere a questo attacco senza precedenti?

AV: Sì, lo farà. Ma ancora, guarda come è diventata frammentata l’America Latina. Le persone in Cile o in Argentina guardano la CNN e la FOX e sanno molto di più su Miami o Parigi, piuttosto che su Caracas. Il presidente brasiliano eletto ha detto che avrebbe assassinato Maduro – la gente ha votato ugualmente per lui.
L’America Latina è fondamentalmente gestita da élite europee. Hanno saccheggiato il continente, lo hanno trasformato nella parte del mondo con le maggiori disuguaglianze. Qualsiasi rivoluzione abbia successo qui, deve essere radicale e decisiva. La democrazia dovrebbe essere diretta, non quel multipartitismo idiota impiantato dall’Occidente – che è così facile da pervertire e deviare dall’esterno, o con l’uso di social e mass media. L’America Latina non può provare a scimmiottare l’Europa e sperare che prospererà. L’Europa è basata sul saccheggio di altre parti del mondo. I paesi dell’America Latina non hanno colonie, e il bottino è interno – i ricchi europei stanno saccheggiando sia la terra che i nativi.

In uno dei suoi ultimi articoli, Fidel ha scritto: “L’alleanza tra Russia e Cina è un potente scudo di pace in grado di garantire la sopravvivenza della razza umana”. Qual è l’eredità di Fidel Castro oggi a due anni dalla sua morte?

AV: Semplicemente fantastico! Anche quando l’intera America latina tradì Cuba, Fidel e il suo popolo non si arresero mai. Questo è lo spirito che ammiro. Cuba ha un grande cuore – ha combattuto per l’indipendenza di molte nazioni africane, aiuta tanti luoghi sulla terra con i suoi medici, insegnanti e squadre di soccorso durante i disastri naturali. L’arte cubana è tra le più grandi del pianeta. Ecco perché, Cuba ha avuto un enorme impatto su di me personalmente e sul mio lavoro. Con orgoglio mi definisco un “internazionalista di stile cubano”. Sono infinitamente grato a Fidel, alla Rivoluzione Cubana e al popolo cubano. In molti modi, è forse il più grande paese del mondo. Un paese per cui non esiterei mai a lottare, o persino a morire.

*Andre Vltchek  è un filosofo, romanziere, regista e giornalista d’inchiesta. Si è occupato di guerre e conflitti in dozzine di paesi. Ha scritto con Noam Chomsky Terrorismo occidentale“, pubblicato in Italia da Ponte alle Grazie. I suoi ultimi libri sono: “Exposing Lies Of The Empire” ; Fighting Against Western Imperialism”; Point of No Return’” [Punto di non ritorno], romanzo politico acclamato dalla critica; Oceania”,  libro sull’imperialismo occidentale nel sud del Pacifico;  “Indonesia  – The Archipelago of Fear” [Indonesia – l’arcipelago della paura]. Andre è regista presso teleSUR e PressTV.  Dopo aver vissuto per molti anni in America Latina e in Oceania, attualmente risiede e lavora in Asia Orientale e in Medio Oriente. 

Notizia del: 29/11/2018

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *