Truffe umanitarie

5 Set, 2018
0

L’industria dell’aiuto umanitario: corruzione, neoliberismo e truffa

L'industria dell'aiuto umanitario: corruzione, neoliberismo e truffa

L’80% dei fondi delle ONG proviene dai governi. I tre maggiori donatori del pianeta sono gli Stati Uniti, l’Unione Europea e la Gran Bretagna. Ciò consente loro di decidere come e dove investire, di conseguenza, non scelgono i paesi più poveri ma hanno un’agenda politica

 

Mision Verdad
L’industria umanitaria fa circolare 150 miliardi di dollari all’anno, il suo principale motore è la povertà e le sue macchine principali sono le organizzazioni non governative (ONG). Queste possono essere paragonate alle grandi aziende: devono battere la concorrenza assicurandosi la maggior quantità di donazioni possibili per togliere mercato alle altre organizzazioni.

L’80% dei fondi delle ONG proviene dai governi. I tre maggiori donatori del pianeta sono gli Stati Uniti, l’Unione Europea e la Gran Bretagna. Ciò consente loro di decidere come e dove investire, di conseguenza, non scelgono i paesi più poveri ma hanno un’agenda politica.

Questi fondi pubblici trasferiti ai settori privati ??non solo servono all’industrializzazione della corruzione neoliberalista, ma anche a rafforzare i meccanismi di intervento internazionale che sfuggono agli Stati nazionali a favore dei giochi di potere sviluppati dai settori economici transnazionali.Su questo, di seguito tre casi emblematici.

Il pozzo senza fondo delle ONG ad Haiti

Più di 10.000 organizzazioni di aiuti umanitari sono giunte ??nel paese caraibico dopo il fulminante terremoto di 7,0 gradi che ha colpito Port-au-Prince il 12 gennaio 2010. Le donazioni hanno superato i 9 miliardi di dollari e molte di queste organizzazioni hanno eseguito i loro progetti mediante aziende private e senza alcun tipo di controllo del governo locale.

Nel 2016, l’uragano Matthew ha lasciato centinaia di morti, 1,4 milioni di persone senza cibo o acqua, diverse località sono state completamente distrutte, specialmente nel sud-ovest del paese. Sei anni dopo il terremoto, più di 60.000 haitiani vivevano ancora in case temporanee, con accesso limitato o nullo a servizi sanitari o medici. L’appello immediato delle Nazioni Unite (ONU) è stato quello di richiedere un contributo urgente di 120 milioni di dollari per alleviare l’emergenza nella nazione più povera dell’emisfero occidentale.

Una parte significativa delle ONG con sede a Port au Prince, la capitale di Haiti, ha richiesto contributi attraverso i propri siti web, e gli elicotteri governo statunitense sono arrivati con carichi di riso e acqua, come nel 2010.

Più del 99% del denaro è finito nei conti bancari delle ONG, insieme hanno avuto più denaro del governo di Haiti e delle autorità locali che non hanno quasi ricevuto alcun aiuto. Nonostante i miliardi di dollari donati dal terremoto del 2010, ci si chiede perché Haiti non sia stata meglio preparata per la tempesta che è arrivata sei anni dopo.

Un esempio tra i tanti: la Fondazione Clinton ha aiutato i suoi donatori a trarre vantaggio dal terremoto, la Bill e Melinda Gates Foundation e USAID hanno realizzato l’Iniciativa de Teléfonos Móviles ad Haiti. Nel gennaio 2011, l’azienda Digicel del miliardario irlandese Denis O’Brien ha ricevuto il primo premio di 2,5 milioni di dollari perché gli haitiani potrebbero ricevere denaro tramite una rete di telefonia mobile. Nel 2012, a soli due anni dal terremoto, l’operazione di Digicel ad Haiti ha prodotto un profitto di 86 milioni di dollari su 439 milioni di dollari di entrate nel 2012.

O’Brien ha donato tra 5 e 10 milioni di dollari alla Fondazione Clinton. Nell’ottobre 2010, due mesi prima che Digicel ricevesse il denaro per aiutare Haiti, la compagnia sponsorizzò un evento in Giamaica dove Bill Clinton ricevette un compenso di 225.000 dollari per tenere un discorso.

Nel luglio 2017 l’ex funzionario haitiano Klaus Eberwein avrebbe dovuto presentarsi davanti alla Commissione per l’Etica e Anticorruzione del Senato statunitense per testimoniare contro la Fondazione Clinton per la presunta appropriazione di donazioni internazionali, ma non ha potuto e non potrà, perché in quei giorni il suo corpo è stato ritrovato senza vita, colpito alla testa in un motel di Miami.

Somalia: pirateria, carestia e distrazione

Nel 2010, un rapporto delle Nazioni Unite allertava che almeno la metà degli aiuti umanitari alla nazione del corno africano era stata dirottata. I destinatari erano appaltatori corrotti, gruppi settari islamici e persino operatori umanitari dell’ONU. Il documento affermava anche che il governo somalo collaborava con i pirati e forniva loro i visti per recarsi in Europa.

Questo rapporto raccomandava al Segretario Generale Ban Ki Moon l’apertura di un’indagine interna immediata per chiarire cosa accadde. Il Programma Alimentare Mondiale (PAM) fa bella figura come responsabile della distribuzione degli aiuti umanitari in Somalia. Questa agenzia delle Nazioni Unite, che ha ricevuto 485 milioni di dollari per alleviare la carestia di 2,5 milioni di persone, appariva come responsabile per il saccheggio e la collaborazione con i cartelli dei distributori corrotti in tutto il paese.

Il PAM è stato classificato come organismo in decomposizione nel documento. “Alcune risorse umanitarie, in particolare il cibo, sono state destinate ai militari” e “una manciata di appaltatori somali ha organizzato un cartello che si è trasformato in trafficante di potere”.

Lì, il governo somalo è anche accusato di inviare pirati in Europa in missioni governative ufficiali. “I ministri somali, i membri del parlamento, i diplomatici e gli agenti indipendenti hanno reso l’accesso ai visti un’attività in crescita, che può essere eguagliata solo dalla pirateria”, si afferma nel testo denunciando che i passaporti sarebbero costati tra 10 mila e 15 mila dollari.

Sia il governo somalo che la PMA hanno negato l’informazione, mentre le continue voci sulla distribuzione degli aiuti umanitari in Somalia hanno causato situazioni come il ritardo delle nuove spedizioni da parte degli Stati Uniti.

Curiosamente, il Segretario di Stato degli Stati Uniti nel 2010 è stato Hillary Clinton, tuttavia, anni dopo, nello specifico nel 2015, K’naan Warsame, un artista hip-hop e difensore dei pirati somali ha partecipato alla conferenza Clinton Global Iniziative in Marocco. “A molte persone non piaccio perché dico questo, ma sostengo i pirati”, ha detto K’naan in un’intervista radiofonica nel 2009, sostenendo che la pirateria “ci ha davvero aiutato a ripulire il nostro ambiente”.

Danza di dollari e prezzi gonfiati in Siria

La risoluzione 2165 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel luglio 2014 ha esplicitamente permesso alle agenzie delle Nazioni Unite di fornire aiuti attraverso i confini internazionali della Siria. Tuttavia, le ONG internazionali hanno lavorato in questo modo almeno dal 2012.

La maggior parte degli aiuti nelle aree controllate dall’opposizione siriana vengono inviati attraverso la frontiera con la Turchia, dalla Giordania e occasionalmente dal Libano. Il valore dell’aiuto formale transfrontaliero dei principali donatori è di almeno 500 milioni di dollari all’anno.

La catena di fornitura coinvolta è un grande business. I beni e i servizi acquistati dal sistema delle Nazioni Unite in Turchia sono aumentati con il trascinamento della guerra in Siria: nel 2014 ha acquistato merci per 339 milioni di dollari, rispetto ai 196,7 milioni del 2013 e 90 milioni 2012.

Nel 2016, milioni di dollari sono stati temporaneamente sospesi per le principali organizzazioni di “aiuti umanitari” che lavorano in Siria in seguito a rivelazioni di corruzione sistemica. Un’indagine dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) ha rivelato piani di brogli e di tangenti che hanno coinvolto 14 organizzazioni e individui con quartier generale nelle vicine Turchia e Giordania.

L’ufficio dell’ispettore generale di USAID ha anche annunciato che il denaro per alcuni gruppi di aiuto sarebbe stato sospeso. Si trattava di una rete di venditori commerciali e dipendenti di organizzazioni non governative che avevano cospirato per partecipare al brogli delle offerte e ai molteplici schemi di corruzione relativi alle sovvenzioni dell’aiuto umanitario siriano.

La chiave dello schema delinquenziale ruotava attorno al pagamento in eccesso dei beni acquistati in Turchia. Si è riscontrato che le persone che hanno lavorato per le ONG hanno pagato prezzi elevati per prodotti di bassa qualità. Queste attività includevano elementi essenziali come coperte per i civili in Siria. La ricerca ha rilevato che i membri del personale delle ONG erano partecipanti attivi al regime di pagamenti in eccesso, ricevendo tangenti dai venditori dei prodotti.

Le tre ONG coinvolte sono hanno visto una rapida crescita dall’inizio della guerra in Siria, promossa in parte dai fondi per gli aiuti transfrontalieri provenienti dagli Stati Uniti e dal Regno Unito. Le entrate dell’International Medical Corps (IMC, secondo il suo acronimo inglese, con sede negli Stati Uniti) sono più che raddoppiate, a 232 milioni di dollari, tra l’anno fiscale 2011-2012 e 2014-2015. Le entrate di GOAL (irlandese) sono aumentate del 94% tra il 2013 e il 2014. L’International Rescue Committee (IRC), la più grande dei tre in termini di entrate, ha gestito oltre 500 milioni di dollari in fondi annuali.

Un esempio: due membri dell’IRC hanno accettato tangenti dai venditori in cambio di subappalti dal gruppo di aiuto. In un altro caso, un’organizzazione ha ottenuto un profitto di 106 mila dollari manipolando il contenuto di oltre 55 mila panieri di cibo distribuiti. L’organizzazione non identificata ha accettato di non richiedere i soldi persi da USAID e il venditore è stato sospeso.

Le indagini hanno portato a 239 milioni di dollari in fondi sospesi dal programma, 35 decisioni di sospensione o inabilitazione dell’agenzia e 19 rinunce, rescissioni o sospensioni del personale. In un caso, la chiusura parziale di un programma eseguito da un “gruppo senza nome” ha significato il mancato acquisto di quasi 1 milione di dollari in prodotti farmaceutici. IRIN, un mezzo d’informazione, ritiene che almeno 800 persone coinvolte in contratti IMC in Turchia siano state licenziate a causa della sospensione dell’USAID.

Guardando verso il Venezuela

L’industria umanitaria ha preparato il suo schema di appropriazione indebita per includere il Venezuela nella sua logica di diagnosi e intervento, mentre nella sfera geopolitica la crisi è creata e stimolata da un attacco alla valuta e dal blocco finanziario. D’altra parte, l’intervento è ricercato attraverso programmi e canali umanitari che sfuggono al controllo statale.

Nel caso del Venezuela, enormi quantità di dollari sono circolate verso Colombia e Brasile, ha annunciato il vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence, durante un incontro con i portavoce dell’antichavismo, che evidentemente hanno interessi su questi fondi e stanno già combattendo per la loro gestione.

Nel bel mezzo del dispositivo mediatico sulla migrazione venezuelana, una portavoce dell’UNHCR ha annunciato a maggio che avevano “una drastica mancanza di fondi” mentre chiedevano agli Stati Uniti 46 milioni di dollari, poiché avevano solo il 7% di finanziamenti. Tuttavia, l’Unione Europea (UE) ha promesso 35,1 milioni di euro per far fronte ai casi di venezuelani autoesiliati nei paesi vicini.

Lo scorso luglio, Martha Youth, direttrice dell’Ufficio di Popolazione, Rifugiati e Migrazioni del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ha spiegato che nel 2017 Washington ha contribuito con oltre 30 milioni di dollari per aiutare i rifugiati venezuelani, e che fino a quella data l’assistenza era stata superiore ai 20 milioni di dollari. Di questa cifra, 12 sono stati assegnati tramite l’UNHCR e 8.1 all’Organizzazione Internazionale per la Migrazione (IOM). Ha sostenuto che si tratta del “più grande dislocamento nella regione”, omettendo i dati dell’UNHCR riguardanti l’esodo dalla Colombia.

Non ci sono dettagli su dove e come questi fondi sono distribuiti, a livello globale, le ONG collegate a queste attività mancano di chiari meccanismi di controllo o supervisione, come riconosciuto da molti e da uno in particolare: Transparency International.

Nel 2012, l’allora Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha affermato che il 30% dell’aiuto allo sviluppo non è riuscito a raggiungere “la sua destinazione finale” a causa della corruzione. Non sarebbe strano che questo stia accadendo attorno all’assedio che si sta instaurando contro il Venezuela, dove il fiume turbolento potrebbe generare profitti succosi per le franchigie umanitarie.

(Traduzione dallo spagnolo de l’AntiDiplomatico)

 

Notizia del:

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *